LiBooks | Books&coffee
4345
page-template-default,page,page-id-4345,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Books&coffee

Lea’s review

Consigli sui libri, consigli molto personali, senza pretese, come se ne parlassimo seduti al tavolino di un bar, davanti ad una tazza di caffè fumante.
I luoghi, i sapori, le storie, i personaggi, la musica, in ogni libro è racchiuso un mondo.
I miei viaggi spesso sono ispirati dalle pagine di un libro. Seguendo Verne, sono volata in Islanda al vulcano Snæfell alla ricerca del passaggio per il centro della terra, non l’ho trovato. Ma c’era nebbia, bisogna ritentarci.
Mai partire per un viaggio senza un buon libro: sta bene con tutto e resiste anche alle temperature più estreme, non è proprio impermeabile ma in caso di pioggia potete mettervelo in testa e correre veloci a cercare riparo.
Leggere, viaggiare, scrivere: what else?! 

 

“Leggere è cibo per la mente e tutto ciò che ha che fare con il cibo, deve per forza essere buono”
Cit. Snoopy

“Le tre del mattino” Gianrico Carofiglio   IN DUE PAROLE Un padre e un figlio si scoprono sullo sfondo di una città affascinante: Marsiglia. Due giorni e due notti di musica, bagni al mare, confessioni e imprevisti, cibo e vino rosato, che avvicinano due uomini......

IN DUE PAROLE Lisbona, estate del 1938, il clima è arroventato, la situazione politica pure. Lo Stato è sotto la dittatura di Salazar. Pereira è un giornalista che ha passato gran parte della sua vita a scrivere di cronaca nera per un giornale importante, e......

Fabio Genovesi, “Il mare dove non si tocca”, Mondadori editore IN DUE PAROLE Anni ‘80, un paesino di provincia, i Mondiali di calcio, un bambino affronta il suo primo giorno di scuola e si rende conto di essere diverso dagli altri. Ma chi in fondo......

Alessandro Piperno, “Il manifesto del libero lettore”, Mondadori edizioni IN DUE PAROLE Ne “Il manifesto del libero lettore” Piperno presenta gli otto scrittori di cui, come lui stesso ammette, “non sa fare a meno” ma prima di presentarceli stila il “Manifesto del libero lettore”: “Il......

X